Hospitality For The Future: Il contributo della JCU su Repubblica

aprile 23, 2021
Uomo in posa davanti alle bandiere di Italia e Stati Uniti

Ho deciso di interpellare la John Cabot University, in cui ci sono studenti da tutti i continenti, per capire le esigenze dei giovani: saranno loro il mercato dei prossimi anni. E quindi devono indicarci la strada, dandoci le risposte che cerchiamo

È così che Francesco Panella, ristoratore e personaggio televisivo, introduce a La Repubblica il nostro impegno nella challenge lanciata agli studenti della John Cabot, in collaborazione con l’Istituto per l’Imprenditoria, diretto dalla prof.ssa Silvia Pulino.

La partnership tra JCU e Antica Pesa, ristorante centenario nel cuore di Roma e di proprietà della famiglia Panella, nasce dal desiderio di promuovere una ristorazione sostenibile in un momento di enorme crisi per questo settore. Le nuove tecnologie e la sostenibilità sono concetti essenziali per creare nuovi modelli di business che siano responsabili da un punto di vista ecologico. I professori Silvia Pulino, Antonella Salvatore e Riccardo Maiolini hanno accolto con grande entusiasmo questa iniziativa e, insieme a Francesco, hanno rivolto la sfida agli studenti di 5 corsi insegnati alla JCU: E-Marketing, Brand Management, Advertising Management, International Marketing, Made in Italy: The Italian Business Environment.

La pandemia ci ha fatto capire quanto sia importante avere uno stile di vita sostenibile. Bisogna lavorare per migliorare e programmare la nostra esistenza” spiega Francesco Panella a Repubblica, e aggiunge: “La sostenibilità per un ristoratore è fondamentale. Attraverso la cucina si può far capire ai clienti un modo di vivere. Abbiamo una responsabilità, oltre che opportunità.

Il programma Learn Do Share, coordinato proprio dall’Istituto per l’Impreditoria della prof.ssa Pulino, da anni sottopone vere e proprie sfide ai nostri studenti; permettendo ad aziende partner, come Antica Pesa, di “entrare in aula” e collaborare con la classe. Questo programma, oltre ad esprimere al meglio il concetto di applicazione pratica attraverso il confronto diretto con imprenditori ed esperti del settore, alla base del sistema didattico americano, prospetta ai nostri studenti possibilità di stage e tirocini. Questa ultimissima sfida sul tema della sostenibilità ambientale propone di presentare un nuovo modello di hospitality che sia sostenibile, che coinvolga gli stakeholders e che possa comunicare efficacemente le proprie azioni. L’analisi si concluderà il 6 maggio, quando le classi presenteranno i loro progetti a Francesco Panella che decreterà il vincitore. Oltre ad implementare il progetto nelle sue aziende, ai vincitori verrà donato e dedicato un albero nella foresta Antica Pesa, fondata proprio dalla famiglia Panella attraverso la piattaforma Treedom. È un simbolo di nascita, crescita, e futuro nonché di innovazione e sostenibilità: gli alberi di Treedom vengono infatti piantati in progetti agroforestali in tutto il mondo, fornendo sostegno finanziario alle comunità rurali locali e favorendo così lo sviluppo ambientale, economico e sociale.

“I giovani sono i nostri interlocutori principali, i nuovi consumatori e da loro vogliamo idee, risposte, soluzioni. Ho scelto di coinvolgere la JCU perché gli studenti di questa università sono in tutto il mondo, rappresentano il case study ideale. Sono un punto di partenza per il nostro futuro” Confessa orgoglioso Francesco. Non ci resta che augurare buon lavoro alle classi coinvolte in questo ambizioso progetto formativo in cui lungimiranza, intraprendenza e internazionalità si prestano e si fondono con il business d’avanguardia.

 

Leggi l’intero articolo pubblicato su La Repubblica!

View all posts

Recommended Reading

Subscribe and stay up to date

Subscribe and stay up to date