Analisi Critica e Strategie di Ricerca: il ruolo cruciale della biblioteca nella crescita accademica e professionale

giugno 17, 2021

La biblioteca è uno spazio dinamico, di continuo arricchimento culturale ed accademico, in cui, inevitabilmente, si apprende a 360° il concetto di analisi critica. La John Cabot University vanta una meravigliosa biblioteca, che accoglie alcune delle più ricche collezioni in lingua inglese in tutta Roma. Abbiamo incontrato Livia Piotto, a capo della nostra Frohring Library: scopriamo con lei il ruolo della biblioteca nelle università americane, le competenze trasversali che insegna ai nostri studenti, gli strumenti ed i servizi messi a disposizione di tutta la community.

 

Il concetto di biblioteca americana è molto più ampio rispetto a quello italiano. Raccontaci meglio le differenze e cosa si deve aspettare uno studente italiano appena arrivato alla JCU:

L’idea che tradizionalmente noi italiani abbiamo delle biblioteche è quella di luoghi per lo più silenziosi dove si va per fare ricerca, dove si possono reperire i libri di testo a costo zero e dove poi si andrà più assiduamente al momento della tesi. Una delle maggiori differenze con il sistema italiano è che, per la maggior parte dei casi, la biblioteca non si occupa di fornire i libri di testo per i corsi, bensì di mettere a disposizioni tutti quei materiali che i docenti consigliano come letture aggiuntive. Agli studenti viene richiesto di fare ricerca indipendente dai libri di testo sin dal primo anno e la biblioteca fornisce collezioni che cercano di rispondere il più possibile alle esigenze curriculari.

Nella cultura americana c'è poi una grande attenzione all’insegnamento delle tecniche di ricerca: si cerca di rendere gli utenti indipendenti nella navigazione del mondo delle informazioni e della ricerca accademica ed in grado di identificare i propri bisogni informativi, imparare a cercare dove trovare le risposte a quei bisogni, valutare se le risposte sono adeguate, e infine usare l’informazione trovata in maniera appropriata e, soprattutto, legale.

Spiegaci meglio il concetto di saper fare ricerca e citare correttamente:

Fare ricerca significa imparare a capire quali strumenti sono i più appropriati per le varie discipline. Le strategie utilizzate alla base possono però essere le stesse, per cui come si combinano le parole chiave nelle varie banche dati è di sicuro una competenza che si può riutilizzare, ma sapere da quale banca dati cominciare è una competenza che si sviluppa con la pratica. O con l’aiuto di un bibliotecario.

In biblioteca insegniamo agli studenti l’importanza di saper citare le fonti in maniera corretta, perché fare ricerca non è soltanto raccogliere quello che altri hanno già detto, ma significa entrare a far parte di una conversazione più ampia e riconoscere il contributo degli accademici e ricercatori che ne fanno già parte. Citare le fonti della propria ricerca serve proprio a questo, e si allinea molto bene con la grande importanza che l’università dà all’onestà accademica: non citare le proprie fonti significa appropriarsi delle idee e delle opinioni di altri e non rispettare il lavoro accademico degli altri.

John Cabot University_SMPhotos-59

Parliamo di competenze trasversali: quali skills acquisiscono i nostri studenti grazie al supporto della biblioteca?

Imparare a fare ricerca può essere utile nella vita di tutti giorni. Le strategie di ricerca che gli studenti possono imparare in biblioteca consentono loro di acquisire dimestichezza con tutto ciò che è ricerca, e di affinare le proprie doti di analisi dei risultati. Valutare l’informazione che ci circonda è una delle competenze maggiormente utili in questi tempi di sovrabbondanza informativa e di fake news.

Quando si parla di disinformazione, i nostri studenti, grazie all’aiuto della biblioteca, possono approfondire questi temi, capire come funziona il mondo delle news, cosa ci viene spacciato per informazione, e chi ne è l’autore. Ma insieme all’analisi delle news e dei colossi che creano le news, insegniamo anche a riflettere sul fatto che il modo in cui ciascuno legge le news dipende dai propri pregiudizi e dal contesto culturale in cui si è cresciuti, in modo da spiegare che il mondo dell’informazione è ben più complesso di quello che appare, e che bisogna utilizzare il proprio spirito critico per giudicare ciò che accade nel mondo.

IMG_0837

Quali strumenti e servizi di supporto mette a disposizione la nostra biblioteca agli studenti della JCU?

Primo fra tutti, il nostro catalogo che consente una ricerca globale su tutto il posseduto della biblioteca, sia a stampa che in formato elettronico, e consente anche di fare ricerche su tutto quello che è stato pubblicato anche se non è posseduto dalla biblioteca. Abbiamo poi una serie di banche dati che variano a seconda delle discipline e che consentono agli studenti di fare ricerche mirate in base ad argomenti di loro interesse. Tra le nostre banche dati diamo anche accesso a risorse che vengono usate nella vita lavorativa di tutti i giorni di professionisti di vari settori, dal marketing alla finanza al diritto.

Organizziamo, inoltre, seminari in biblioteca su vari argomenti, dalla ricerca per business e marketing, a come si citano le fonti, a come si crea una bibliografia annotata. Offriamo inoltre supporto alla ricerca in varie modalità: dal tradizionale incontro di persona, alla nuova modalità in web conference, la live chat nel nostro sito web e, naturalmente, partecipando attivamente nelle classi, in cui i nostri bibliotecari collaborano con i docenti per creare sessioni ad hoc che rispondano alle aspettative del docente e alle esigenze specifiche dei suoi studenti.

Livia

Livia Piotto
Interim Head Librarian
Reference and Instruction Coordinator

 

View all posts

Subscribe and stay up to date

Subscribe and stay up to date